Fondi. Al Mof una crisi che sembra non avere fine.

La crisi del MOF di Fondi è riconducibile alla politica di Fondi, le incertezze delle aziende  la precarietà dei lavoratori passa attraverso l’incapacità di una politica assente e non capace ad invertire il declino del mercato ortofrutticolo di Fondi, le difficoltà, la crisi ed i tanti fattori  negativi sono lasciati volutamente alla mancanza di soluzioni per essere trattati individualmente con l’aiuto del politicante di turno.

E’ questo il regime ed il problema serio interno al MOF.

La Uiltucs Latina contesta fortemente e condanna l’atteggiamento della politica fondana ed in particolare il primo cittadino Salvatore De Meo il quale piu’ volte chiamato a constatare le problematiche vere che vivono quotidianamente i lavoratori e lavoratrici, ha preferito disertare i sit in di protesta, in ultimo quello di febbraio scorso.

Non partecipare come primo cittadino ad ascoltare il grido del lavoro sommerso dei tanti lavoratori del MOF significa per la Uiltucs Latina essere complici di un sistema MOF di cui tutti sono a conoscenza o nessuno vuole conoscere per non farsi nemico l’imprenditore che in ogni tornata elettorale e’ un potenziale bacino di voti.

Nella Manifestazione di febbraio al MOF di Fondi abbiamo chiesto ufficialmente di affrontare le problematiche con gli attori pricipali che continuano a subire il danno arrecato da un primo cittadino e di una politica assente, latitante, perché noi della Uiltucs Latina siamo convinti che la confusione del Mercato  Ortofrutticolo di Fondi è voluta e non viene affrontata per interessi politici e di lobby, è un buon bacino di voti per il primo cittadino Salvatore De Meo di era parte attiva di quel sistema allora già in crisi profonda.

Oggi le aziende, i lavoratori tutti, vivono solo di slogan ed annunciazioni di quel primo cittadino Salvatore De Meo il quale dovrebbe, visti i risultati del gigante verde, mettersi solo da parte, perché rappresenta quella parte politica che non ha saputo prendere una posizione vera e decisa a sostegno del MOF, mercato che potrebbe fare la differenza dell’economia anche dei paesi limitrofi e dare buona occupazione all’intero territorio.

Il sindaco Salvatore De Meo, per quanto riguarda la Uiltucs Latina, farebbe buona cosa non annunciare più slogan, o probabili o possibili incontri con asessori regionali, il primo cittadino se avesse a cuore la soluzione dei problemi del MOF non vivrebbe di annunci, agirebbe con altre modalita’ anche di lotta, se necessarie.

Per la Uiltucs Latina servirebbe una accellerazione da parte di tutti gli attori veri che in questo momento sono investiti dal problema MOF, lasciando da parte la politica ed il primo cittadino fondano sino ad oggi assente, anzi predisposto alla non risoluzione.

Gli operatori, le associazioni, gli imprenditori, unitamente ai rappresentanti dei lavoratori, devono iniziare questo processo di risoluzione e cercare la via del rilancio.

Per noi della Uiltucs Latina è una strada possibile e percorribile, chi subisce il trauma della cattiva gestione non è la politica fondana, sono i lavoratori, sono gli operatori, stanchi di subire gli slogan e gli annunci di un primo cittadino, il quale, probabilmente, paga il prezzo di essere visto male dal governatore del Lazio e di conseguenza, non assume decisioni più incisive.

Per noi della Uiltucs Latina l’amministrazione comunale di Fondi farebbe bene a farsi da parte per le questioni critiche del MOF.

Il nostro appello, e richiesta, rimane quello di cambiare passo per il ripristino di un futuro migliore per il MOF di Fondi, i soggetti che debbono impegnarsi, siamo noi che rappresentiamo la forza lavoro, sono le associazioni insieme ad imprenditori buoni che applicano i contratti nazionali, noi tutti dobbiamo trovare la soluzione al problema e non lasciare il MOF in mano alla politica ed amministrazione  comunale che ha interesse a non risolvere il problema MOF per altri interessi.

La domanda che avremmo voluto fare al primo cittadino, nel sit in di protesta contro la famiglia Peppe ( Millennium) nello scorso febbraio, era quella di invitare l’amministrazione ad un viaggio nei vari stand del Mof per capire quante ore si lavora al giorno e quanto si guadagna in alcuni magazzini, al primo cittadino Salvatore De Meo e rimasto più comodo non venire al confronto, le altre domande sarebbero state spontanee se qualche amministratore avesse partecipato.

Il famoso contenzioso dei 30 milioni, servirà a colmare tuttte le problematiche del Mercato Ortofrutticolo di Fondi?

Oppure i 30 milioni serviranno a tamponare i disastri accertati ed evidenti del MOF?

I lavoratori sono l’ultimo anello e pagheranno il prezzo più alto per come stanno subendo da anni uno scenario dove la politica è assente ma attenta a controllare solo ed esclusivamente il bacino dei voti nelle varie campagne elettorali.

La Uiltucs Latina, da sempre attenta sulle problematiche occupazionali del MOF sarà parte attiva per l’apertura di un confronto vero con tutti i soggetti interessati, chiedendo ufficialmente alla politica fondana un passo indietro, il tutto per intraprendere un percorso ed una stagione nuova per i soggetti veramente umiliati e disagiati.

Per la Uiltucs Latina, la politica ed il primo cittadino hanno altri interessi, si sono dimostrati distruttivi e non costruttivi per la vicenda risolutiva del Mercato Ortofrutticolo di Fondi.

Gianfranco Cartisano.